Guida allo stile.

A lezione di stile, Sartorino Docet.

Come vestirsi per andare al lavoro? Quale abbigliamento preferire per un invito formale o per un pranzo fra amici?
Che vestiti scegliere per stare tutto il giorno in ufficio o per un appuntamento galante? Qual è l’abito adatto per un matrimonio, per la laurea, per essere davvero eleganti?
La soluzione di ogni dubbio è quella di indossare un abito che calzi perfettamente.

La vestibilità

Un abito infatti deve avere le giuste misure e una vestibilità perfetta, le spalle devono accompagnare naturalmente le vostre, la manica deve avere la lunghezza ideale per far spuntare la giusta misura del polsino della camicia, la giacca non deve essere né troppo lunga né troppo corta.

Le spalle

La giusta misura della spalla di una giacca perfetta non deve estendersi oltre la naturale misura della vostra spalla, e se la misura delle spalle è corretta molto probabilmente tutto il vestito sarà perfetto per le vostre misure.

La vita

Si deve formare una linea che sottolinei la vostra vita, perché dovete essere in grado di abbottonare comodamente la giacca, ma non ci devono essere più di due dita fra l’abbottonatura e il vostro corpo.

Le maniche

La giusta misura della spalla di una giacca perfetta non deve estendersi oltre la naturale misura della vostra spalla, e se la misura delle spalle è corretta molto probabilmente tutto il vestito sarà perfetto per le vostre misure.

I pantaloni

Non si devono assolutamente vedere i calzini quando state in piedi, e l’orlo dei pantaloni nella parte anteriore deve poggiare leggermente sulla scarpa e nella parte posteriore deve sfiorare la parte superiore del tacco della scarpa.

Colori e tessuti

Nello stile classico da uomo anche il colore dell’abito è disciplinato da poche semplici regole che rendono la scelta del colore una compito semplice. Non tutti i colori possono essere utilizzati allo stesso modo, perché alcuni possono essere adatti per una occasione e completamente fuori luogo per un’altra. Altra cosa importante da sapere è che alcuni colori hanno delle limitazioni a seconda della stagione, ed altri impongono degli abbinamenti che se sconosciuti possono causare degli effetti inaspettati su chi li indossa.

I colori base. Grigio, blu e nero.

I colori base per gli abiti sono il blu e il grigio antracite. Gli abiti di questi colori sono adatti a qualsiasi circostanza, il grigio scuro è un colore molto adatto ai giovani che iniziano la loro carriera, mentre il blu è adatto a persone più adulte. Un abito nero può essere utile in alternativa ad un abito da cerimonia ed alcuni lo utilizzano pensando che un abito di questo colore conferisca una certa autorità, ma è una abitudine che non rispecchia i canoni dell’eleganza italiana. Gli abiti blu sono un’ottima scelta quando si è indecisi sul colore adeguato. Per tutti questi colori si possono anche avere le versioni gessate, e anche se la fantasia potrebbe ridurre un pochino il grado di formalità il gessato è comunque ampiamente ammesso ed accettato in tutte le occasioni formali e di lavoro.

I tessuti

Gli abiti, i pantaloni e le giacche sono realizzati con tessuti in pura lana o misti con fibre artificiali o sintetiche che prendono il nome di pettinati, cardati e follati.  I pettinati come gabardine, grisaglia, saia e tela di lana sono prodotti con filati di fibre lunghe pettinate, sono i più pregiati poiché sono prodotti con un filato molto fine che consenta leggerezza, lucentezza e resistenza alla sgualcitura ed usura. I cardati sono tessuti a trama grossa e risultano più adatti per abiti invernali, per cappotti o soprabiti, come i tweed, gli scheviot e gli spinati. I follati come flanella e vigogna risultano meno consistenti dei pettinati ma di pregio non inferiore e la loro caratteristica principale è la morbidezza: un abito in un tessuto follato sarà meno rigido e pertanto più aderente alla conformazione anatomica della persona.

Il marrone

Il marrone è un colore di base molto utilizzato, nelle tonalità dal cioccolato fino al testa di moro. Alcuni uomini stanno molto bene con questo colore e quindi possono utilizzarlo come parte importante del loro guardaroba anche per quanto riguarda l’abbigliamento meno formale compreso abiti in tweed e giacche sportive.

welcomekit_ITALIANO

Modelli

Non sono solo le donne a seguire la moda: anche molti uomini amano rinnovare il proprio guardaroba. Le linee di abbigliamento da uomo spaziano dal casual ai completi eleganti, con una vasta gamma di variazioni su giacche e pantaloni. Sartorino propone molte idee e modelli sempre nuovi, realizzati con le migliori stoffe italiane e con la vestibilità ideale per ogni corporatura.

La giacca.

La giacca a due bottoni: è il modello più utilizzato, cade meglio e valorizza la figura perché il primo bottone è posizionato vicino alla linea della vita. In questo modello si allaccia solo il primo bottone in alto.

La giacca a tre bottoni: sta meglio agli uomini alti in quanto non delinea molto il punto vita. In generale si allacciano solo i primi due bottoni in alto e se avete scelto un modello con i revers allungati anche solo quello centrale.

La giacca a bottone unico: slancia il busto, ma non è adatta a persone robuste. E’ la più usata nelle passerelle di alta moda uomo, ma è la meno facile da portare se non siete modelli.

La giacca doppiopetto: è il modello più formale, molto usata in passato. Non è adatta a chi è piccolo di statura perché taglia la figura.

Gli spacchi

Due spacchi laterali: è il modello più flessibile che marca le linee del corpo, slancia la gamba e da maggiore eleganza all’abito.

Uno spacco centrale: è il modello più pratico, ma poco utilizzato dalla classica sartoria italiana.

Senza spacchi: limita il movimento quando ci si siete o si mettono le mani in tasca.

I revers

Sono molti i modelli di revers possibili, ma in generale non devono essere troppo stretti, ma devono essere in sintonia con la vostra figura e non troppo eccentrici.

I pantaloni

Le pinces sono le pieghe nel tessuto che partono dalla cintura e arrivano fino all’altezza del cavallo dei pantaloni.

I pantaloni possono essere senza pinces, più asciutti e adatti a uomini alti e snelli; con pinces, come nella maggior parte dei modelli di abiti da lavoro; con doppie pinces per gli uomini più robusti.

Il risvolto deve essere al massimo di 4 centimetri e deve comunque essere proporzionato alla gamba. Tutti i pantaloni consentono il risvolto, ma è bene sapere che il pantalone senza risvolto allunga la gamba.

Le tasche sul retro dei pantaloni possono essere semplici, con o senza bottone. Si possono scegliere anche pantaloni senza tasche.

Le maniche

I bottoni sulle maniche delle giacche possono essere da uno a quattro, e quando l’abito è fatto su misura si può tenerne uno slacciato, proprio per sottolineare la qualità sartoriale del capo.

Dress code

Non solo matrimoni, ma anche party, cocktail, eventi vari, ma come vestirsi? La vita di un uomo è piena di momenti che impongono di usare dei look precisi e spesso non è facile capire la differenza tra formale, informale, casual e di conseguenza capire quando usare l’uno piuttosto che l’altro.

Abbigliamento ed eleganza

Un uomo elegante veste un abito nuovo come se fosse usato e uno usato come se fosse nuovo, non porta mai bretelle senza gilet, intona cravatte e calzini sempre lunghi. Preferisce le giacche con gli spacchetti che si adattano meglio alle forme del corpo e permettono alla giacca di non deformarsi quando si mettono le mani in tasca. Sceglie tessuti di qualità classici e non troppo appariscenti

Le occasioni

Per un pranzo un uomo deve indossare un completo elegante classico a tinta unita, camicia colorata e scarpe da passeggio, ad un cocktail un completo scuro con camicia bianca e scarpe nere. A un ricevimento importante l’abito scuro o lo smoking., mentre ad un matrimonio indosserà un abito scuro. Se però lo sposo è in tight ed è un testimone o un parente stretto dovrà indossarlo anche lui.

Dress code

Dress code Ecco cosa possiamo trovare su un invito che espliciti il dress code, ovvero il codice di abbigliamento che permette agli ospiti di sapere come vestirsi.

White Tie
Cravatta bianca, richiesta per eventi ufficiali fra i più formali come ricevimenti diplomatici, balli di beneficienza, matrimoni aristocratici. L’uomo indossa il frac con un papillon bianco, aggiungendo nel taschino un fazzoletto bianco. Scarpe nere in pelle lucida o di vernice, calze lunghe di seta nera. Orologio da tasca. Di inverno si indossa con mantello o cappotto nero ad abbottonatura nascosta e collo di velluto, sciarpa di seta e guanti entrambi bianchi.

Black Tie
Cravatta nera, richiesta per ricevimenti formali dopo le 5 di sera, première, serate danzanti. L’uomo indossa smoking nero, scarpe con i lacci non di pelle lucida, calze lunghe di seta nera. Lo smoking bianco è ammesso sono in luoghi con clima caldo per ricevimenti all’aperto o matrimoni.

Formal Attire
Ricevimenti di sera, come ad esempio incontri di affari. L’uomo indossa un abito scuro elegante con cravatta.

A5 (After five)
Se non specificato A5 significa cocktail, l’uomo indossa un abito di colore a scelta, anche senza cravatta.

Casual (Stile informale)
Stile informale per cene, feste aziendali o fra amici. Niente cravatta, ma bei pantaloni sportivi e camicie con maniche arrotolate.

Bb (business best)
Per incontri d’affari importanti e ricevimenti. L’uomo indossa un completo di sartoria, blu scuro, anche gessato, monopetto o doppiopetto, con camicia bainca a doppi polsini e gemelli e fazzoletto nel taschino. Scarpa solo nera modello Oxford o Derby.

La cravatta

Considerata spesso uno strumento di tortura, la cravatta è, al contrario, uno strumento di piacere. La cravatta è il dettaglio che fa tutta la differenza fra un uomo banale e un uomo elegante, accessorio di moda inevitabile, si declina in tutti i motivi e in tutti i colori. Si accorda perfettamente con la camicia, il vestito, i polsini e il fazzoletto da taschino. Può essere discreta, elegante e sobria come smagliante e variopinta, consente a chi la indossa di esprimere il proprio modo di essere, diventando un vero e proprio segno distintivo. Simbolo di eleganza, autorevolezza e buon gusto, la cravatta è l'accessorio che consente di slanciare il busto e di valorizzare la propria figura.

I nodi

Tanto sono importanti il tessuto e il colore della cravatta quanto importantissimo è il nodo. Esistono moltissimi modi per annodare una cravatta, ma in realtà sono pochi quelli che vengono utilizzati nella maggior parte dei casi.

Nodo semplice: è il grande classico dei nodi per cravatta, il più utilizzato, poiché si tratta del più semplice da realizzare e si accorda con la maggior parte delle cravatte e praticamente con tutti i colli di camicia. È perfetto per gli uomini di altezza media o elevata. Conico ed allungato, il nodo semplice è stretto con delle cravatte fini e più largo con delle cravatte spesse.

Nodo doppio: è molto simile al nodo semplice, ma è realizzato con una seconda rotazione in quanto la gamba della cravatta deve essere passata per due volte attorno alla gambetta. Di aspetto più spesso rispetto al nodo semplice, il nodo doppio è ideale con la maggior parte delle camicie. È perfetto anche con tutte le cravatte, eccetto quelle troppo spesse.

Nodo Windsor: è il nodo delle grandi occasioni., infatti il suo nome deriva dal Duca di Windsor, che lo ha reso popolare. Visto il suo volume importante, deve essere realizzato preferibilmente su dei colli aperti, come i colli italiani od i colli Windsor. Talvolta complesso da realizzare, per essere perfetto deve cadere esattamente al centro del collo e nascondere l’ultimo bottone della camicia.

Nodo piccolo: Si accorda in modo particolare con le cravatte spesse o con le camicie a collo stretto. Deve essere evitato con le camicie a collo lungo o aperto. Relativamente facile da realizzare, necessita tuttavia un “avvitamento” di 180°. Il nodo piccolo è il modo più semplice per annodare una cravatta.

Ogni occasione ha la sua cravatta

Ogni occasione necessita una cravatta in armonia con il momento. Per un colloquio di assunzione, la cravatta deve essere molto sobria. Negli ambiti commerciali o creativi è consigliata una cravatta colorata, mentre i mondi della finanza e della giurisprudenza preferiscono una cravatta sobria in seta passe-partout, così come una cravatta tono su tono che si accorderà con il colore della camicia. Per le grandi feste di famiglia, come i matrimoni, battesimi e anniversari sono consigliati i colori chiari.

Nodo piccolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Privacy Policy.

Accetto l'installazione di cookies da parte di questo sito.

EU Cookie Directive Plugin Information